L’inaugurazione con l’Orchestra RAI e Gile Bae dirette da Tianyi Lu

Opere, contaminazioni, nuovi format

L’avvio del progetto delle “farse rossiniane” con RossiniLab, AMO e il patrocinio della Fondazione Rossini

Il ritorno della Prosa con Anna Foglietta e Paola Minaccioni

Due opere inedite per celebrare Dante

E l’ultima notte dell’anno a ritmo di Musical

Novara, 7 Settembre 2021. Riparte Venerdì 24 Settembre 2021la stagione autunno/invernodel Teatro Coccia, giorno in cui il Teatrosarà finalmente restituito alla città dopo l'anno di lavori che hanno interessato le messe a norme e la sicurezza.

Dopo l'inaugurazione del 22 Dicembre 1888, con Gli Ugonotti di Meyerbeer diretto da Arturo Toscanini, e del 21 Febbraio 1993, con il concerto diretto da Riccardo Muti, il Teatro Coccia si prepara a un nuovo grande Concerto d'inaugurazione : l' Orchestra Sinfonica Nazionale della Raiconla partecipazione straordinaria di Gile Bae come pianista solista, dirette da Tianyi Lu,la giovane direttrice classe 1990, vincitrice dell' XI edizione del Premio Cantelli, quella targata 2020, nell'anno della rinascita dopo 40 anni. Un momento emozionante che si inserisce nel solco della tradizione e nel nome del Maestro Guido Cantelli. Il programma: Le Ebridi Op. 26 in si minoredi F. Mendelssohn, Concerto per pianoforte n. 5 "l'Egiziano"di C. Saint-Saëns, Sinfonia n. 4 in la maggiore "Italiana" op. 90di F. Mendelssohn.

Traendo spunto dall'Egiziano di C. Saint-Saëns l'evento segna anche l'inizio di una collaborazione tra il Teatro Coccia e il Museo Egizio di Torino.

Spazio ai format sia nuovi che consolidati, originali del Teatro Coccia: concert opera in design Sabato 2 e Domenica 3 Ottobre, un lavoro multidisciplinare in cui musica, teatro, fotografia e parola si fondono e confondono. Maudit. Tu, Maledetto come noi. Interrogatorio a Rimbaud , su musiche di repertorio barocco e contemporaneo (A. Webern, P. Hindemith, A. Vivaldi, A. Corelli), e la drammaturgia, i testi e la regia di Davide Rondoni, in buca la Nuova Orchestra Cameristica di Milanodiretta da Maurizio Dones.

Giovedì 7 Ottobreun Gala d'Arie d'Opera interpretato dagli Allievi dell'Accademia dei Mestieri dell'Opera AMOdiretti dal maestro Margherita Colombo. In programma da I Racconti di Hoffmann a Il Trovatore,da L'occasione fa il Ladroa Bohéme,da Le Nozze di Figaroa Lakmé,fino a Madame Butterfly, L'elisir d'Amore,e Rigoletto.

Prosegue un Ottobre che si potrebbe definire "noir"e che vede altri due appuntamenti musicali, uno inedito e uno di tradizione: l'opera da camera Le Ore delle Spose l'8 e il 9 Ottobre alle 20.30a Casa Bossie il 23e il 24 ottobre Il Castello di Barbablù di Béla Bartók al Teatro Coccia, entrambi firmati dalla regia di Deda Cristina Colonnae con le scene di Matteo Capobianco.

Le Ore delle Spose, musica in prima esecuzione assoluta commissionata a Claudio Scannavini, Quartetto d'archi Dàidalos, su libretto di Francesca Bocca-Aldaqre, vede protagoniste le voci del soprano Laura Catranie le attrici Carolina Rapilloe Giuditta Pascucci.

Le ore delle spose- spiega Deda Colonna- è la storia di un'attesa. Giuditta oracolare ed incisiva, Arianna attiva e sfidante sono portate in scena da due attrici che incarnano gli arabeschi poetici di Francesca Bocca-Aldaqr in una resa quasi da tanztheater, in cui i linguaggi verbale e non-verbale si concertano nell'accumularsi di parola e azione, gesto e ripetizione […] L'installazione di Matteo Capobianco definisce il contesto di questa avventura intima in uno spazio scandito dalla progressiva stratificazione di forme piene e vuote, leggere come parole, pesanti come note. La performance non rappresenta una vicenda personale, ma illustra un itinerario intimo di ricerca, scoperta e rinuncia: dove il bisogno personale si scopre vertiginoso e profondo, la rinuncia appare come la sola via possibile; di un amore come quello di Barbablù - occupato, infedele, violento, incoerente, avaro di sentimenti - non si può salvare nulla, se non se stesse. La musica composta da Claudio Scannavini rappresenta la presenza/assenza di Barbablù e ritaglia zone della performance in cui la parola del testo poetico quasi si smaterializza per divenire essa stessa materia coreografica, linguaggio astratto di relazione tra parola e gesto, tra il languire dell'attesa e la crudezza del carattere. Il quartetto esegue dal vivo anche composizioni di Bartok e di Schönberg che demarcano nell'irregolare scorrere del tempo le fasi successive di questo labirintico itinerario personale.

Il Castello di Barbablùdi Béla Bartók vede coinvolti nel ruolo di Barbablù Andrea Mastronie in quello di Judith Klára Kolonits, Orchestra del Teatro Coccia, diretta da Marco Alibrando.
Unica composizione operistica nel catalogo bartokiano, Il castello del principe Barbablù mette in luce gli ultimi legami del trentenne Bartok con le risorse musicali della drammaturgia simbolista ed espressionista: si nota, allo stesso tempo, l'urgenza tipica in Bartok di rinverginare il linguaggio attingendo dal repertorio popolare della sua terra. Da parte sua, Bela Balazs non aveva pensato a un libretto in senso stretto, ma piuttosto a una ballata, dotata di una propria autonomia letteraria, impregnata di reminiscenze folkloristiche e ammiccante alle tendenze moderne della ‘Literaturoper', l'opera lirica che utilizza testi letterari senza passare attraverso un apposito ‘libretto'. Attingendo dal soggetto favolistico di Charles Perrault - per altro gia utilizzato da Maeterlinck e musicato da Dukas - Balazs, regista, scrittore e autore drammatico, imprime al testo un'invenzione autonoma e originale, dove - come avverte prudentemente il prologo parlato con cui inizia il dramma - gli ascoltatori sono messi di fronte a una vicenda che e solo il pretesto per la simbolica rappresentazione di un dramma interiore, dove si gioca il conflitto tra desiderio e impotenza, luminosa sensibilita femminile e meccanica ottusita maschile. Echeggiando i modelli vocali sperimentati da Debussy nel Pelléas et Mélisande, Bartok adotta una vocalita tutta contenuta entro una sorta di recitativo melodico, sfaccettato in modo tale da lasciar intravedere le differenze comportamentali e psicologiche dei due personaggi: se il cupo e austero Barbablu mantiene il suo canto in una sorta di declamazione, costruita entro una scala pentafonica, la luminosa ed esuberante Judit vanta una maggior varieta ritmica e modale.

L'opera sarà preceduta da un preludio musicale commissionato al compositore Claudio Scannavini: Dopo L'ultima Stanza, Preludio al Barbablù.

Al Castello di Barbablùsi arriverò, come consuetudine del Teatro Coccia, a seguito di una serie di appuntamenti di anteprima e approfondimento. Un viaggio nel mondo di Barbablù : da Lunedì 11 a Venerdì 22 Ottobresarà possibile entrare nelle scene dell'allestimento, incontrarne i protagonisti, ascoltare il racconto della nascita del progetto e assistere brevissimi spettacoli messi in scena al Piccolo Coccia.

Ogni spettacolo prevede una durata di circa 10/15 minuti per permettere di essere ripetuto più volte nella stessa giornata (su prenotazione) ed è pensato per incantare un pubblico di ogni età, con un linguaggio semplice, poetico e intrigante.

Lo spettacolo, realizzato da Controluce Teatro d'Ombre sarà pensato per un solo operatore che accompagnerà il racconto con le silhouette di teatro d'ombre e brevi ascolti musicali registrati.

Nel retropalco del Conte Cacciasarà inoltre ricreato un allestimento di costumi e attrezzeria a “tema Barbablù

Tornano, in presenza gli appuntamenti Chi ha Paura del Melodramma?dedicati all'opera da vivere in e con la famiglia. Dopo le felici esperienze online I Viaggi di Gulliver (in una nuova e aggiornata versione) e Cendrillon (e il BIanconiglio) arrivano dal vivo rispettivamente il 7 e l'8 Novembree il 12 e il 13 Dicembre 2021, con repliche per le scuole il Lunedì mattina.

Con Chi ha paura del Melodramma?prende il via anche ufficialmente la nuova piattaforma del Teatro Coccia: Sipario Virtuale . Uno spazio parallelo a quello della vita teatrale, nel quale ritrovare programmazioni storiche, ma soprattutto contenuti inediti e approfondimenti. E un'area dedicata al gaming: per i più giovani (ma non solo) esperienze di gioco virtuali per entrare nel teatro attraverso una porta inusuale. Dove si nasconde il Bianconiglio? Quali stanze si aprono all'ingresso dei palchi? Cosa c'è sotto il palcoscenico?A questi e altri interrogativi i giocatori potranno e dovranno trovare risposta nel corso del game.

Il Teatro Coccia dedica a Dantedue appuntamenti nell'arco di 15 giorni sul finire di questo 2021 di celebrazioni. E lo fa portando in scena ciò che è parte fondamentale della sua missione: producendo due opere liriche, commissionate e prodotte, che nascono per mano di compositori, poeti e librettisti contemporanei e debutteranno tra Novembre e Dicembre. Filo conduttore tra le opere la bacchetta di Matteo Beltramia dirigere l'orchestra.

Sabato 20 e Domenica 21 Novembre Rapimenti d'Amore , opera in un atto unico, scritta da Cristian Carrarasu soggetto e libretto di Davide Rondoni, con la regia di Andrea Chiodi. In buca l' Orchestra I Virtuosi Italiani(anche coproduttori dell'allestimento). Un lavoro inedito che vede impegnato un cast di voci davvero straordinarie, tra le quali quelle di Sonia Prina, Salvatore Grigoli, Vittorio Prato. Fosca, ragazza vivace e di temperamento, si dispera con la sua serva, alla vigilia della festa di maggio, a Firenze. Il padre, un tipo autoritario e formale, l'ha promessa in sposa ad un ragazzo che non ama. Sullo sfondo della vicenda, una Firenze divisa in fazioni, guelfi e ghibellini si fronteggiano. Simone, ragazzo allegro con nel fondo un po' di mestizia, amico di Fosca, raccoglie dalla serva la confidenza del matrimonio combinato. Anche lui si dispera. Non crede nell'amore, ma lungo la vicenda ne riscopre il senso, proprio scoprendosi innamorato di Fosca. Dante e Cavalcanti, amici di Simone, si ingegnano per aiutarlo. Da loro nasce l'idea di inscenare il rapimento di Fosca. Sullo sfondo della vicenda, le discussioni sull'amore tra Dante e Cavalcanti. I due si stimano, ma diversa è la loro visione della vita e dell'amore. Per Cavalcanti “non conduce a canoscenza/ la nostra umana, povera semenza. Da questa esperienza Dante capisce che ha un compito “Indicare di ogni amore/ la difficile commedia/ e il dramma che lo assedia e inizia il suo viaggio, quello che lo porterà a scrivere la Divina Commedia: “Avrò i suoi occhi fissi in me/ cuore sbranato e pur felice/ avrò lei che fin là mi guida/ la mia donna Beatrice, Ora che ho amato da morire/ sono pronto ad iniziare.

Mercoledì 1 e Giovedì 2 Dicembreun evento straordinario: Gioele Dixfirma la regia, la drammaturgia e dà voce a Un divorato cuore, investigazioni sull'amore in risposta ad un sonetto (azione scenica in un atto). Le musiche sono composte da tre compositori del nostro tempo, Cristiano Serino, Joe Schittino, Marco Taralli. Un divorato cuore nasce da “Chi oggi ha il cuore divorato da Amore? il primo sonetto contenuto nella Vita Nova di Dante Alighieri “A ciascun'alma presa e gentil core. Dante afferma di aver composto il testo per salutare «tutti li fedeli d'Amore» e per chiedere loro «che giudicassero» un sogno fatto dopo aver incontrato Beatrice per la seconda volta, all'età di 18 anni. In questo sogno il poeta vede Amore personificato che tiene in braccio Beatrice addormentata avvolta in un drappo sanguigno. In una delle mani Amore tiene il cuore del poeta e, dopo aver svegliato la donna, le fa mangiare il cuore, cosa che ella fa «dubitosamente», cioè con paura. Molti sono stati nella storia i poeti che hanno “risposto a questa sorta di “proposta lanciata da Dante, a partire da Cavalcanti fino ad arrivare a D'Annunzio. Questo è Un divorato cuore: un'investigazione sull'Amore guidata da Gioele Dix nei panni di un curioso investigatore, che utilizzerà i tre sonetti come fossero degli indizi utili alla comprensione del mistero che aleggia attorno a questo divorato cuore. Ognuno dei tre compositori impegnati nell'opera ha musicato un sonetto proponendo una cifra personale ma al contempo in sintonia con l'intera composizione che troverà unitarietà e completezza nelle parti di raccordo musicale laddove i tre compositori si uniranno in una sorta di contrappunto a tre voci. Con l'attore e i cantanti, una danzatrice e un mimo.

Dal giorno successivo la messa in scena, il Teatro Coccia e la città di Novara diventeranno set del film Un divorato cuore che verrà girato da Gioele Dix come trasposizione del testo teatrale.

Dopo la felice esperienza di Una Domanda di Matrimoniodi Chailly andata in scena nell'Arengo del Broletto il 29 Maggio 2021, come primo spettacolo in presenza del Teatro Coccia, prosegue la collaborazione con il Conservatorio Guido Cantelli: il 22 e 23 Dicembre alle 20.30 La Cambiale di Matrimonio , musica di Gioachino Rossini, libretto Gaetano Rossi, solisti gli allievi del progetto RossiniLab e European Opera Academy, direttore Mirca Rosciani.
L'orchestra sarà un ensemble in seno alla neonata Orchestra del Teatro Coccia, in collaborazione con il Conservatorio Cantelli.

Ensemble orchestrale che sarà anche protagonista del Galà di Arie d'Opera dell'Accademia AMO del 7 Ottobre 2021.

Si apre così il ciclo delle cinque farse rossiniane “Lui, Lei, L'Altro. Cinque titoli che il Teatro Coccia, con RossiniLab e il patrocinio della Fondazione Rossini metterà in scena con la regia degli allievi AMO con il docente Roberto Recchia. Ma non solo: alle farse si arriverà a seguito della commissione di altrettante opere buffe ad autori contemporanei, anch'esse con filo conduttore “Lui, Lei, L'Altro. Il Teatro Coccia investe ancora nel futuro dell'opera italiana, ponendo particolare attenzione all'opera buffa che va scomparendo.

La riapertura coinciderà anche con la programmazione di spettacoli di Teatro di Parolae Musical. L'attesa Sabato 30 e Domenica 31 Ottobre 2021e All That Musical Venerdì 31 dicembre 2021.

L'attesa, spettacolo firmato da Remo Binosivede protagoniste due straordinarie e poliedriche interpreti del nostro tempo, Anna Foglietta e Paola Minaccioni, dirette da un'altra importante artista italiana Michela Cescon. La produzione è Teatro Di Dioniso E Teatro Stabile Del Veneto In Collaborazione Con Fondazione Musica Per Roma E Teatro Stabile Di Bolzano. L'Attesa, anche oggi a tanti anni dalla sua scrittura, è un testo contemporaneo, caratteristica che solo le grandi opere hanno. Il rapporto serva-padrona, il doppio, il grande seduttore Casanova, la maternità, il male, la morte - sono raccontati con cambi di registro narrativo: dalla commedia al dramma, dal noir fino a sfiorare la tragedia. Il linguaggio è originale e sorprendente, con una naturale vis comica che garantisce una presa certa sul pubblico, paragonabile a quella dei testi di Goldoni e di Eduardo. La particolarità della messinscena di Cescon è che parte dalla prima stesura che l'autore veronese fece del testo - datata 1991 - che presenta notevoli differenze rispetto a quello portato in scena nel 1994: la nutrice ha un ruolo decisamente più marginale che in questa messinscena scomparirà completamente; i dialoghi sono più scarni, in qualche modo più «contemporanei»; l'azione si concentra totalmente sulle due protagoniste e sull'evoluzione del loro rapporto durante la forzata clausura.

Il Musical che accompagna allo scoccare della mezzanotte tra il 2021 e il 2022 è prodotto dalla Compagnia BITcon la regia e le coreografie di Melina Pellicanoe gli arrangiamenti musicali di Marco Caselle. Nomi ormai noti al pubblico in sala al Teatro Coccia il 31 Dicembre e che hanno sempre ottenuto un notevole successo.

Ripartono inoltre gli appuntamenti WikICocciaa cura di Luca Baccolini e Le Caramelle al Melodrammacon Roberto Recchia, Corinne Baroni e i loro ospiti. Tutti i video diventeranno poi fruibili su Sipario Virtualee alcuni temi saranno dedicati proprio alla programmazione futura.

I biglietti per gli spettacoli saranno in vendita in tre tranche: da Mercoledì 8, 29 Settembre e 27 Ottobre) questo per mantenere monitorata la situazione sanitaria globale e offrire al pubblico un servizio sempre più sicuro e potenzialmente sempre più ampio. Nascono così i Mini Abbonamenti “Eco: l'abbonamento “di ritorno e “sostenibile. Non paghi tutto subito, puoi acquistare il primo spettacolo, pensarci e tornare ad acquistare il secondo biglietto con il 25% di sconto( Il Castello di Barbablù + Rapimenti d'Amore; Maudit. Tu, maledetto come noi interrogatorio a Rimbaud + Gala d'arie d'opera Accademia AMO; I viaggi di Gulliver + Cendrillon; Rapimenti d'Amore + Un divorato cuore).

Sostenibilità che diventerà uno dei temi portanti delle stagioni del Teatro Coccia: allestimenti e costumi realizzati con materiali di riciclo o bio; materiale di comunicazione e promozione stampato in quantità ridotte e con utilizzo di carte riciclate. A partire da questa cartella stampa.

Si è calcolato che in un anno il Teatro Coccia stampa l'equivalente di due alberi. Il Teatro, in collaborazione con il Comune di Novara, non solo si impegna per una maggiore sostenibilità, ma a fine anno ripianterà due alberi in un parco cittadino che verrà concordato.

Altri comnunicati stampa

30.
giugno
20 titoli, ad ora, tra Luglio e Dicembre 2021
Il Teatro Coccia annuncia la programmazione estiva e anticipa quella autunnale e invernale
9.
giugno
Dal 13 al 26 Giugno torna il Festival Fuori di Coccia
VARALLO, ORTA SAN GIULIO, CANNOBIO E NOVARA. EDIZIONE 2021 DEDICATA A ISABELLA LEONARDA
27.
maggio
I corti del Coccia
anteprima online della prima opera zapping ideata e prodotta dalla Fondazione Teatro Coccia
24.
maggio
Teatro Coccia, Novara si torna in presenza!
Una domanda di Matrimonio di Luciano Chailly in collaborazione con Conservatorio Cantelli di Novara
6.
maggio
YouTube DORMIRE, GUARIRE FORSE
Una “micro opera” dedicata agli Infermieri firmata dal Teatro Coccia
28.
aprile
Teatro Coccia, Novara PETITE MESSE SOLENNELLE
dall’1 al 10 Maggio online su YouTube Teatro Coccia e a-novara